Google+ Badge

lunedì 27 febbraio 2017

percorso nel buio

Nel buio ci inoltrammo
Suonavano domande
senza risposte.
                      L' insidia avanzava
                                  lo scorpione era in agguato.
Qualcuno segò un ponte
rannicchiato nelle strade
tra gioventù e vecchiaia.
                          Restò solo una traccia,
                                poi si dissolse
              Di palpiti violenti di emozione
                    vestimmo le nostre ombre frantumate,
Ci abbarbicammo a loro
non potevamo rinunciarci,
                 ci appartenevano, era tutto ciò che ci restava.

Qualcuno ci prestò aiuto.
La strada che ci era dovuta
la percorremmo
fino in fondo.
           
                           E' tempo
        che giunga una parola al labbro
una voce all'udito
         che nella roccia sprizzi
il battito di un cuore
                                  questo accadrà
                                  è certo
                                         deve accadere
                                  e io sarò  lì

PICCOLO PAGGIO

PICCOLO PAGGIO

Piccolo paggio,
           
               La favola del mio corpo 
                                  non oltrepassarla!
Segreto, ti appariva
                come il sole e la pioggia

Ti occorre ancora:
      distanza per vedermi,
              giovane,
 silenziosa
                    che si rinnova
in punta di piedi
     come "sul far del giorno"

Stupidamente segreta nell'animo,
      la mia bocca cede
                   ritrosa
parole geometriche
       che vanno
anche oggi a farsi male
           su pensieri cerbiatti

Come allora
-ricordi?-
         sui
    banchi di scuola
               intarsiati d'inchiostro

sempre quelle favole
             che paralizzavano, leggere,
    la storia del mondo
quando ancora
         non c'era il mondo,
ma solo il mio corpo

un minuscolo spunto in un dovechissà
             che ti toccava

perché tu invece
   c'eri
      e stavi lì segreto,
di me tua regina
        innamorato,


piccolo paggio

curve cieche

Mi scuserete se arriverò tardi.
Viaggio in una vita di curve cieche.

Dietro ogni curva c'è sempre 
un' ipoteca sul futuro,
un lasciare l'ora e qui.
Qualcosa che sa di 
esilio.

O forse ci sei tu in jeans?

Potessi saperlo,
saprei come affrontarla,
                           la  curva bastarda

domenica 26 febbraio 2017

Portaschiavi

Da che punto di me muovevi,
volto di piuma amato?
Eppure lì
tra le tue labbra chiuse 
s'insinuò la mia parola.

Cose di te amai,
gomiti, caviglie...
                  anche tanto altro,
ma tu non sei un racconto.

Un portaschiavi avevo approntato
e ci avevo appeso 
                                      me.
Poi s' imbrattò di ruggine d'uomo,
di rabbia in tempesta
Ogni macchia trattai al sole
con limone e sale,
ma non venne più via.

Radiografia dell'oggi
punto oscuro
tra coppe rotte e champagne 
                                      versato,
tra brindisi di sanguisughe
e imprecazioni ingoiate.

Misantropia di linguaggi, 
moltitudine di solitudini.
Schianto di ore.

Manca ormai ogni sguardo,  
           i nostri nomi soltanto
prefazioni di Nessuno

E se dovessi ancora accorgermi di te,
....mi incazzerei con me!
















sabato 25 febbraio 2017

Cappella Sistina

                          Non conosco passione

Brucio prima di arroventarmi,
brucio dopo essermi spenta
Fuoco su torpore mefitico
aggredisce percorsi in circolo
senza uscita.

                          Non conosco passione

Odore di cenere ovunque
cadavere d'anima pallida
caleidoscopicamente
archiviata in urne di gesso

                          Non conosco passione.

languori trasparenti
trasmittenti
triviali tormenti
traversano greggi di pensieri
lanosi

                           Non conosco passione

Una mano tra le nubi
si tende ad afferrarmi.
Mi agguanta

                            Brucio

giovedì 23 febbraio 2017

sinfonia fantastica

La bronzea statua di Berlioz
al piano
compone la sinfonia fantastica.
Dita immobili
a impazzare sui tasti.
Ci sparisci dentro.

La solitudine dei silenzi
è sinfonia...fantastica



martedì 21 febbraio 2017

OLTREALTRO

OLTREALTRO

Se dovessi scegliere di non scegliere
si aprirebbero tante porte.
"Per baciare le nuvole"?, tu dicevi.
"E nessuna condurrebbe a te
piccolo amore -rispondevo-
Tu sei oltre quelle porte.
Anche se oltre non c'è altro,
nemmeno nuvole da baciare".

Altro di te vado a cercare ad oltranza
Deve essercene altrove una traccia.
Forse nel parco delle stelle spente
che si accendono altrimenti,
a intermittenza 
e
brillano oltremodo nel buio.

Lì brucherò la tua leggenda selvaggia
di nuvola baciata,
che il respiro ha oltrepassata,
oltraggerò ogni ipocrisia
virando di bordo tra
le porte non scelte,
incendiato dalle tue altissime
caviglie a spillo.

Incontrarti nell'immenso
luogo che tu sei!

domenica 19 febbraio 2017

cervello di gallina

CERVELLO DI GALLINA

"Sii sana di mente" le fu detto.
"Cioè cervello di gallina", pensò lei:
accettare un dolore calvo,
senza berretto, un dolore freddo.
Farsene una ragione,
non scandalizzarsi più
di quel cranio lucido aggredente:
ahhh, imparare a soffrire!
Cervello di gallina allungato
                        in un collo tirato: dolore vero

"Cervello di gallina" le fu detto.
"Cioè sana di mente" pensò lei:
rifiutarsi al dolore è sacrosanto.
Non si era rassegnata,
non aveva capito 
e non se n'era fatta una ragione:
Ahhh, non aveva imparato a soffrire,
Col collo tirato da gallina.
non digeriva dolore vero calvo 
                           e col cranio lucido 

sabato 18 febbraio 2017

RABBIA

Voglio andare in cerca della rabbia del mondo
questa notte.

           ... delle rose in boccio
non godute,
che imprigiona violenta
universi di passioni
mai ad altri cedute,
mai da nessuno vissute

           ... di umori e odori
delle umane scuderie
abbandonati
in vecchi jeans slabbrati
di lontane periferie.

Voglio andare in cerca della rabbia del mondo
questa notte

            ... di fatiche ancestrali
che nessuna bestemmia,
e nessuna benedizione al cielo,
ha mai acquietate:
dove sei ora vecchia cisterna
che svuotai col mio ditale?

            ... di ciò che non ha nome,
che mai a nessuno sapemmo riferire
col sangue o col dolore.
Ma che solo un sguardo colse
con un sussurro lieve
e se ne dolse

Voglio andare in cerca della rabbia del mondo
questa notte
...della rabbia del mondo
...questa notte

che è rabbia d'amore
e si dà cruda e graffiante senza mai farsi cercare

a lei leverò il mio canto



carro bestiame

Il carro bestiame ancora
   lanciato
           verso la ghigliottina
rincorre un dolore
    veloce
          in ambulanza.

Una folla di senza tetto
cerca redenzione
     da un peccato mai commesso,
        sempre espiato
e sempre da espiare.

Deserti angosciati
       chiedono miserere mei
sui "mi piace" di facebook.

Racconto preistorico addenta
     un futuro dagli occhi pervertiti,
  con fauci di
memoria in abiti
          da sera terrorizzati.

"Marinaio cazza la randa"
         grida invisibile un palpito
   di follia
su un veliero
               che fa rotta
senza  destino.

un cartello "alta attenzione"








mercoledì 15 febbraio 2017

IO-CI-SONO


IO-CI-SONO

Io-ci-sono
nel balbettio confuso
di ogni nuovo giorno
quando respirare è mormorare un si
ad attese d'ignoto mai interrotte
e chiedergli: mi vuoi?.

Eccomi:
la tazzina del caffè
la prima sigaretta,
La quotidiana banalità
ad addentare lampeggianti voglie di vele gonfie sul mare
e clandestina urgenza di reincarnazione.

Ero bella nell'estate
del 7 A.C..
Lo specchio mi rimanda ancora quell'immagine
e gli ebrei che,
come me, avevano ascoltato i profeti
erano vittoriosi di speranze.
Parlavo anche il latino.
nelle bettole all'aperto
tra un sole di lucertole squamose
e boccali di vino.

Poi nacque Lui.
Divise il tempo
come fosse stato un gingillo.
Ero sempre lucertola bella,
solo che ora ero "dopo".
Avevo attraversato una voragine
con quella presunzione
di io-ci-sono
che mi perseguita incalzante
al netto di ogni ostinata indagine

Ed ora io-ci-sono
in questa tazzina di caffè fumante,
bisbigliando buongiorno alla mia sorte
che in questa nuova essenza
ha trovato un modo caldo di
fare ciao alla morte






gli scoiattoli

Mi piacciono le noci.
              Come agli scoiattoli
Le mangiamo insieme
                                                          nel parco sotto casa.
                                            sotto un albero grande grande.

Facciamo a gara a chi arriva prima

                          e mostriamo trionfanti
i gusci vuoti per dormirci dentro

                                                                             Solo che loro le digeriscono meglio di me:
                                                                                 "dipende dal fatto che noi
                                                                                                    ci muoviamo di più ",
                                                                                          la loro opinione
Poi si innamorarono
quasi contemporaneamente
e le noci rimasero lì, per terra.
amareggiate e deluse.

                                                                                                     "È perché in due si sta stretti
                                                                                                                     nel guscio",
si scusarono,
una volta.



                                                      Sono sempre stata convinta
                                                      che la ragione fosse un'altra
                                                e loro non riuscivano ad accettarla:
                                                       
                                                      l' albero era stato tagliato.

lunedì 13 febbraio 2017

pensieriosa-mente

PENSIEROSA-MENTE

I capisaldi dei pensieri
mandavano a
farsi fottere le obiezioni,
specie quelle (che si autoritenevano) serie.

Era l'ora di cena
avevano fame
ma le obiezioni (che si autoritenevano) serie
sono troppo dure
da masticare,
vero guaio per la digestione.
Assurde,
da sputare come i semi delle angurie.


il pagliaccio




IL PAGLIACCIO


Prima e dopo
dentro e fuori
su e giù
avanti e dietro,
il mio intimo mondo.
Un' altalena
di serietà e facezie
con un cappello a punta
roteante sulle dita.
Vi ho sbirciato:
v'è ancora tanto spazio
e il me-pagliaccio sberleffando,

dondola lì dentro
su un paio di scarpe a gondola.
Sbandola la notte e il giorno,
matte risate e pianto amaro.
veglie da barbagianni
e letarghi di cavallette.
Col fianco aguzzo degli anni
ha scritto la mia vita
sotto dettatura
di mandorle di bocca
Chissaquale il suo nome
non riesco mai a ricordarlo.
Forse non l'ha mai detto!






















domenica 12 febbraio 2017

fazzolettini

Si presentò con un pacchetto
di fazzolettini di carta in mano.
"Per asciugarti le lacrime
quando ti avrò lasciata", 
le disse.
Poi  come sempre
volle fare l'amore.
Ma non al buio.
Le chiese di non chiudere
gli occhi.
Voleva vederle lo sguardo
dal suo grembo.
Era lì, nel suo sguardo,
lunare, cangiante
che si sarebbero raccolti
i brividi, le sensazioni,
i sussulti del grembo
....
piccolissime gocce di 
rugiada
all'esterno degli occhi
sfuggite ai baci.



sabato 11 febbraio 2017

l'accusa


L'ACCUSA


"Sbagliato" mi gridano dietro,
sbagliato, sbagliato, sbagliato.
Il naso, la bocca, la borsa della spesa
la città, la via dove abiti,
la piantina di fiori sul davanzale,
il tuo giornalaio.
          Tutto sbagliato.

"Sì, sì, è vero. L'ho sempre pensato
anch' io" ribatto quasi gridando.
Ma che fare adesso?
E corro, corro a perdifiato,
sbandando, cadendo,
sbagliando,
cedendo, cedendo, cedendo...
finendo.......

              Ave Madre
                         
                    Qualcuno, da qualche parte,
                          adesso,
                          si sta suicidando

venerdì 10 febbraio 2017

luridomondo


LURIDOMONDO

Luridomondo è un liquido
che mi è finito nel bicchiere.
e si vanta,
                                              orgoglioso,
di essere bello, irresistibile,
di dare alla testa.
Ora mi toccherà berlo.
O buttarlo?

Ho sete, una piccola
sete sottile, debilitante,
infinita, inestinguibile
                                              orgogliosa
che sta via tutto il fottutissimo giorno
per dimenticarsi.
Poi, a notte fonda,
rientra sbronza
e pretende
mentre io ascolto Scriabin.
Ma io, ormai,
ho smesso di darle conto.

.........Se non fosse
              per quel liquido
                  nel bicchiere:

non l'ho bevuto,
         no no
né buttato,
         no no
ci sono caduta dentro!




giovedì 9 febbraio 2017

enigma

ENIGMA

Chi pretende qualcosa
ancora?
Chi vuol sapere cosa c'è
oltre la nebbia?
Potrebbe essere tardi sai?
Non si bussa a quest'ora!

Ogni voce suona quasi
un richiamo
ma come a un pesce
preso all'amo.
Colpito in pieno volto
il sorriso,
impudica megera ogni domanda
indaga e vuol sapere.

E sia!

Poco è da dire,
qualcosa di trovato
incrociò un giorno
qualcosa di perduto
e la memoria salutò il cuore.
Poi più nulla.

Nulla di più, che io sappia,
Si abbraccia forse la realtà
per fuggire con essa?
Il resto dell'enigma
non è a me che compete.















non sono te

Non sono te
diverso il volto
diverse le unghie dei piedi
e le tasche con quel che c'è dentro.
Anche l'incedere
e le ombre sono diverse
Nel ventre ho una notte
buia che m'attraversa
come una ragazzina scanzonata
e ride dei flash di luce
poi subito spenti:
"non ti volti, non ti volti?"
- invita -
Mi si è inceppata
la cruna dell'ago,
il mio cammello non ci passa
più.
Ma tu,
tu,
puoi farci qualcosa?

mercoledì 8 febbraio 2017

il lucernario dell'universo

Non c'è nulla,
amico,
di non tessuto
con le nostre mani 
in quella linea grigia 
all' orizzonte.
Se l'universo ha un centro
lì abitammo.
Non ne avemmo mai le prove,
solo indizi.
Sul suo lucernario 
passò un' ora da giullare: la nostra?
Forse, ma niente prove,
solo indizi
Avidi e confusi ci aggrappammo
ai suoi cappelli,
e ci felicitammo
l'un l'altro
per aver avuto fede
come un granello di senape.
Non bastò.
Ci sarà ora
computato
a discolpa?

martedì 7 febbraio 2017

Maometto e la montagna

Oggi gli hanno venduto 
una montagna piatta
perché al mercato non c'era nient'altro, 
a parte diverse centinaia di nonsobenechecosa,
che però non gli entravano nella sporta
e gli lanciavano occhiate malevoli
perché si sentivano rifiutate.
Gli hanno detto che doveva sentirsi
fortunato: se Maometto non va alla montagna, 
la montagna va a Maometto.
Aveva risparmiato strada, tempo e fatica,
Poi l' hanno salutato: ciao Maometto,
allora lui ha aperto la sporta 
con la montagna dentro.
Voleva assicurarsi che fosse di giornata
altrimenti a casa...
Certo, era già asciutta, 
ma sicuramente fresca:
il disegno era fatto bene.

16/11/16: amore e morte

L' amore non è come la morte
Lui passa, lei resta
e noi qui a volere il contrario.

Passa l'amore
quando ogni alba radiosa tramonta.
Inutile andare in farmacia,
nemmeno un placebo.
Cosa lascia di sé l'eterna bellezza
che tinse anche il tuo volto?
Ha sollevato le montagne sulle dita,
le ha fatte rotolare
giù giù per ogni pesantezza,
ti ha fatto scodinzolare sulle nubi
dolcemente, allegramente
rubando un ticchettio
al tuo orologio,
lì dove tu vivevi
e ti muovevi.
Poi è scomparso senza salutare.

…E morte resta
onnivora presenza.
Chi l'ha messa dentro la mia tasca?
Oggi l'ho tirata fuori
e le ho parlato,
amichevolmente mi è sembrato,
Il risultato? Malditesta 
Poi per fortuna s’è riaddormentata
La mia testa non è adatta a lei.
Per lei niente distanza
nel tempo. 
Non ruba ticchettii 
al mio orologio.
Se si sveglia
l'eternità è solo un attimo,
una lapide bianca
dove io non vivo 
e non mi muovo più.
Non guarda mai negli occhi,
non fa mai caso al nome.

7/2/2017: Provocazione

Parole cucite con un ago
formano un pensiero scucito
col malditesta
Volentieri andrebbe a spasso
tra i banchi delle parafarmacie
in cerca di un lassativo
lodevole
che gli tolga le macchie
di fumo sui denti.
Così potrà conquistare
la novizia
che ieri ha preso il velo
in un orecchio
ed è subito diventata sorda
salmodiando una ciotola di riso
Venere.
Ma non voleva cantare male.
Dai, concludeva, non ne parliamo più!

lunedì 6 febbraio 2017

La notizia



LA NOTIZIA
Il giornale oggi non ne parlava
e nemmeno ieri
neanche nei giorni scorsi.

                                             È che la notizia...
Giunse dolce la sera,
si accesero le luci delle strade,
delle case. Gli odori, i tepori.
La città attendeva...voleva sapere
Ma anche il telegiornale
nell'ultima edizione la ignorò,
la radio tacque
e su facebook non apparve
nemmeno un trafiletto
                                              È che la notizia...
Tutto fa pensare che
non se ne dirà nulla
anche domani e nei prossimi giorni.

Vedremo sorgere il buio?

L' ineffabile avvolse la notizia.
            Ora: non voglio luoghi di silenzio
né frinire di cicale.
Ma tu,
               tu
                sapresti accettare tutto il mio indicibile?















sabato 4 febbraio 2017

ossessione

OSSESSIONE

Ho acquistato un'ossessione:
il tuo volto
è uno squarcio azzurro su di me.
Sapessi cosa fare ora!

Andare a zonzo per strade segnate
dalla mia pazzia?
Misurare distanze, vicinanze?
Incespicare su fiotti di speranze a macchia d'olio?

Sensi rabberciati vagano galleggiando
mentre in me il lupo, la notte,
impietoso morde.
Chiudere gabbie
ormai non posso più: è scappato.

Sfondare casseforti in quel tuo sguardo assente?
Roba da ladri, amore.
me lo lasci fare?
Che chiasso faranno le stelle
e le rane
quando ti accorgerai
del furto!


il signor X

Il signor X
non aveva problemi.
La sua identità era di spessore.
La prestava a tutti.
Non faceva discriminazione di razza,
lingua, età, sesso, religione.
E tutti ne approfittavano
Era comodo, in fondo,
Nell'al di là
qualunque nome avessero fatto
poteva rispondere senza menzogna:
Giovanni Bianchi, Maria Rossi....
Purché all' inferno
non avessero chiamato
"Pincoooo Pallinoooo"
Allora si, bastardi,
l' avrebbero fregato!

venerdì 3 febbraio 2017

VIA VAI

               
            Via vai
per strada,
pensieri e ombrelli
tra le mani della gente.
Poco fa pioveva
anche sui pensieri.
Il mio io lo vedo sparire
tra la folla e i pensieri bagnati.
E' dietro di te, 
come sempre, come non mai
Ecco agitarsi laggiù la punta 
del tuo ombrello rosso.
Credo mi cercasse,
ha acciuffato qualcosa:
il mio impermeabile
o un raggio di sole?
Arcobaleno ora lassù
il grande ventaglio
dei monti,
appassionato fantasma
che sparisce, sparisce a goccioline.
Nei tuoi occhi il bacio di goccioline colorate
di arcobaleno:
dolci da incendiare.
Brillano come un sorriso
                       e parlano d'altro.

ALLA VITA

Cessa! 
No, no per favore,
non cessare. 
Scherzavo!
Io sono cedente,
come assente
nel terrazzo del giorno
e tu è come se fossi uscita con un altro.

Quanto si deve cedere
per arrivare a credere?

Scarto i pensieri solo bisbigliati.
Fumo bianco innalzano
verso cieli desiderati
inventati.
Ecco lo tocca, rapace ne morde
ogni trasparenza,
la mia bocca audace
con una lieve, morbida, unica, cadenza

Quanto si deve cedere
per arrivare a credere?

Nell' oroscopo c'è ancora posto
e continuano le previsioni su di me,
ma sono finite le corse dei cavalli,
le estrazioni del lotto
e io non ho vinto nulla

Quanto ti devo cedere, vita
per arrivare a credere?

mercoledì 1 febbraio 2017

sbarcare il lunario

Sbarcare il lunario

Non posso dire che sia accaduto qualcosa,
qui non è ancora successo niente

e andiamo verso i nostri timori
rasentando pareti di vicende strane
mai fino in fondo capite, che
sferzarono,
aggredirono parti di noi sommerse

Non posso dire che sia accaduto qualcosa
qui non è ancora successo niente.

Le nervature dei fiori ci finirono
nelle mani: erano belle,
stringemmo la mano,
che ne fu di loro?
Nessuno apri il pugno per cercarle.

Ed era di ghiaccio il cuore,
di ghiaccio la mente,
di ghiaccio la parola.
Persino il respiro delle trappole che
sventammo per vivere
acconciandoci le vesti, come in scena.
Recitando.
una parte di cui fummo noi a
stendere il copione
Nessuno tradì.

Non posso dire che sia accaduto qualcosa,
qui non è ancora successo niente.

Ma ... la vita ebbe un prezzo

autobiografia di una formichina di passaggio



Autobiografia di una formichina di passaggio

Ecco, io donna.
tempie pulsanti:
ero pesce, ero aria, ero acqua,
terra, fuoco, vento, tempesta, fiore...
L'uccello del paradiso dimentico dell'inferno quaggiù
L'uccello dell'inferno dimentico del paradiso lassù.
Ero il gatto randagio
improvvisato di sottecchi dal tuo sguardo.
Ero il ragno e la sua tela
qui e là strappata.
Tutte le vite di Budda che mi meritai.

Ecco, io donna
sguardi interrotti:
ero rumore,
anche silenzio
Ero coordinazione,
ero subordinazione.
Ero io, ero tu, ero noi, ero voi.
Ma non fui mai egli, loro;
una distanza non fui mai.
Ero una creatura ed il suo Dio.
Ero la traccia umana di cui avevo desiderio.
Ero il peccato, ero l'amore.
E niente sale della terra
per una formichina di passaggio
Io irrinunciabile,
qui e ora.

IL FOGLIO BIANCO

IL foglio bianco

Rotto ho il sacco dei ricordi
come la partoriente rompe le acque.
Quando il sacco dei ricordi perde pezzi
allora è il momento
Salta, salta come un grillo,
non farti acchiappare, non farti ac ch chiap pppare....
Fuggi se ci riesci
brutte bestie i ricordi: non aver memoria,.
Fanne una crema bruna, un doposole da
spalmarti addosso,
sul viso, sulla schiena e le gambe
Altrimenti saranno loro a far di te una crema.
Da spalmare su una fetta di diario

Eppur fu riempito
in primavere invernali di tepore
in anni e anni,
guardando gli altri e te
burattini di vetro, dalle movenze. trasparenti
su una spiaggia di pini e sabbia fine.
I tempi per me dei ricordi in fiore,
quando erano dolci le memorie
quasi fanciulli ubriachi di stelle

Lo riempio e lo svuoto, lo riempio e...
lo svuoto con bramosia incosciente
Lo lancio in aria
rotola su se stesso: ricordi rotolanti.
Li appendo alla mia croce
vi sbircio dentro
indiscreta..
Quel lurido sacco mi afferra la testa,
fa come per acciuffarla
Vuole schiaffarla dentro.
Meglio no,
meglio non guardare:
potrei perdermi
e, ma è lo stesso,
ritrovarmi altrove.

Mentre tu, calmo indifferente
siedi alla scrivania,
inutilmente
cercando
di tracciare un promemoria
sul foglio bianco, iridescente
della vita
e, ma è lo stesso,
su quello trasparente
della morte.