Google+ Badge

sabato 16 dicembre 2017

realtà

Chi ha mai parlato di una
realtà interiore?
Interno o esterno,
questione di angolazioni
di punti di vista,
ciò che è doppio
in me
si divide i compiti:
l'esterno canta
quel che l'interno suona.
Profondità:
dimensione di cui bisogna
sbarazzarsi

libertà, gioco lieve di orme 
sulla sabbia

Isacco


L’ariete
ha impigliato
le corna
al tessuto del cielo
e ora ha il cielo tutto avvolto alla testa
Ho radunato i miei pezzi
dentro un ditale
Saltellavano come
alchimie di passaggio
A quel punto mi hai preso per mano e
mi hai condotto dietro il tuo sguardo.
Lì ci aspettava
il traghetto




verdetti




Conservo la paura
dei verdetti
mettono a tacere 
la mia vicenda
con un sorriso sbagliato
Tutto si gioca in un attimo,
la partita ha in palio
il solito
panetto di margarina.









colazione

Che altro è l'eternità
se non un
infinito futuro?
Una ricca colazione 
preparata
per il viaggio

presenza

Non so se le presenze hanno un inizio
se hanno una fine,
una grazia,
un danno
se lasciano qualcosa,
se lanciano un sasso
una folgore
una differenza,
se veramente ci sono.
Non so se il mio cadavere è
in me
già qualcosa,

venerdì 15 dicembre 2017

pioggia

Ha un senso oggi la pioggia
qui in città
ma nessuno sa chi glielo abbia dato
né quale sia,
lei forse
ne avrebbe fatto volentieri a meno
le basta cadere
senza badare a strade, a mari, a
umori
né a chi arriva all'improvviso
né a chi non arriva mai
Si, ha un senso,
ma ne farebbe volentieri a meno
quando finisce
in un dovechessia
come me

giovedì 14 dicembre 2017

muri

la follia dei muri che mi circondano
quel nostro attraversarli
accigliati
ogni giorno più volte
abbiamo inventato
lo sterco dei pensieri
le domande che non
si devono fare